venerdì 24 gennaio 2020

Niente laurea se non taglia i capelli

Un distretto scolastico del Texas è nell’occhio del ciclone per aver sospeso un potenziale laureato per il suo rifiuto di tagliarsi i capelli.

A Deandre Arnold gli viene vietato di prendersi la sua laurea a maggio a meno che non tagli i suoi dreadlocks, le trecce.

Arnold rivendica la sua eredità caraibica nel difendere la sua acconciatura. A Trinidad, da dove viene suo padre, gli uomini indossano spesso lunghi dreadlocks in contesti professionali ed educativi.

"Mi piace molto quella parte della cultura trinidadiana", ha dichiarato.

Un incontro pubblico sulla questione, in

particolare durante le celebrazioni del Martin Luther King Jr Day all'inizio di questa settimana, ha scatenato una tempesta di critiche e accuse di razzismo.

"Il codice di abbigliamento è stato progettato dai bianchi per i bianchi ed è dannoso per noi", ha detto Ashton Woods, attivista di Black Lives Matter.

"Questo è un problema in bianco e nero", ha detto Gary Monroe, educatore e attivista locale. Ha aggiunto: “La sua famiglia non dovrebbe passare attraverso questo. Ma me lo aspetto da una cultura che non ha diversità. "

Monroe ha aggiunto che l'associazione degli ex-alunni porterà la lotta di Arnold al tribunale federale se il distretto scolastico non riuscirà a risolvere il problema.

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 23 gennaio 2020

Allontanamento scolastico e disturbi mentali

I bambini con problemi di salute mentale richiedono un sostegno urgente dalla scuola elementare in poi per evitare l'esclusione, che può essere sia causa che effetto di disturbi psichiatrici, conclude una nuova ricerca.

La ricerca, condotta dall'Università di Exeter e pubblicata su “Child and Adolescent Mental Health”, ha concluso che è necessaria una risposta rapida, scoprendo che i giovani con difficoltà di salute mentale avevano maggiori probabilità di essere esclusi e anche di subire effetti negativi. La ricerca, inizialmente finanziata da una borsa di studio di dottorato presso la NIHR Collaboration for Leadership in Applied Health Research and Care South West Peninsula, ha riscontrato differenze di genere nel rapporto tra salute mentale ed esclusione.

I ragazzi che sono entrati a scuola con una cattiva salute mentale sono ad alto rischio di esclusione nella scuola elementare, cosa che può impedire una valutazione e un intervento tempestivi. C'erano troppe poche ragazze escluse in questa fase iniziale della loro carriera scolastica, ignorando se avessero anche problemi di salute mentale prima dell'ingresso a scuola.

Le ragazze che sono state escluse nel loro ultimo

anno di scuola hanno successivamente avuto difficoltà e visto peggiorare la salute mentale. Gli adolescenti esclusi in quel momento hanno dimostrato una salute mentale peggiore rispetto ai loro coetanei. Sia i ragazzi che le ragazze che sono stati esclusi tra i 15 e i 16 anni possono avere problemi di salute mentale e, nel caso delle ragazze, la situazione è in peggioramento.

Il professore di psichiatria infantile e dell'adolescenza, Tamsin Ford, ha dichiarato: "Questa ricerca fornisce ulteriori prove del fatto che una cattiva salute mentale può essere sia causa che effetto dell'esclusione dalla scuola. Questi bambini affrontano spesso una vasta gamma di sfide e hanno bisogno sia di istruzione che di cure e i professionisti devono agire rapidamente ed efficacemente per prevenire l'esclusione e migliorare i risultati educativi e sanitari nella loro vita futura".

Leggi anche Storie e Notizie

mercoledì 22 gennaio 2020

Scuola e inquinamento

Nel municipio di Bangkok sono state chiuse 437 scuole per un giorno, ma i genitori richiedono un'azione drastica contro lo smog.
Somruethai Thammaporn, uno studente di 10 anni alla scuola Wat Ratchanatda nel distretto di Phra Nakhon - dove il livello PM2.5 è il più alto - è stato sollevato nel sentire che la Bangkok Metropolitan Administration (BMA) ha ordinato la chiusura poiché l'inquinamento atmosferico ha raggiunto livelli pericolosi.

"È un bene che noi studenti non dobbiamo andare a scuola a piedi e respirare aria inquinata. Ma non voglio che la scuola rimanga chiusa troppo a lungo perché le lezioni ci mancheranno", ha dichiarato Somruethai.

Jib, che ha affermato che a causa

dell'inquinamento ha gli occhi irritati, non sa se la chiusura di un giorno libererà l'aria, ma spera che restare a casa farà bene.

L'inquinamento a Bangkok sta peggiorando dall'inizio di questo mese. Martedì sono stati rilevati livelli di PM2,5 non sicuri in 50 delle 52 aree.

San Domenico - una scuola per soli ragazzi situata nella zona di Asoke-Phetchaburi, dove le particelle di polvere nell'aria sono state molto alte - ha annunciato all'inizio di martedì che sarà chiusa fino a venerdì.

Mentre molti studenti sono contenti della possibilità di rimanere a casa, anche se per un breve periodo, i genitori chiedono se la decisione di chiudere le scuole sia positiva per l'educazione dei loro figli.

Leggi anche Storie e Notizie

martedì 21 gennaio 2020

A scuola senza telefono: crisi d'ansia degli studenti

Prima della lezione ogni giorno, un'insegnante di liceo a Indianapolis afferra un sacchetto di plastica trasparente e se lo chiude in vita con un nastro. La custodia fatta in casa è un deposito per i telefoni che vengono confiscati o consegnati volontariamente dagli studenti che non vogliono essere tentati dal toccarli durante le lezioni.

Lei lo chiama il "pacchetto telefonico", e la magia

del caveau di fortuna non è che mantiene i dispositivi fuori portata. Grazie alla sua natura trasparente, la plastica riduce l'ansia degli studenti mantenendo in vista i loro telefoni.

Gli smartphone sono stati a lungo un flagello per insegnanti e amministratori, che hanno adottato una serie di misure rigorose per tenerli fuori dalla classe. Ma si scopre che sbarazzarsi dei telefoni ha introdotto un'altra distrazione: angoscia da separazione

Ora, gli insegnanti di tutto il paese stanno testando i propri metodi per gestire tali masseri relativi alla mancanza del telefono degli studenti. Alcuni usano sacchetti chiudibili a chiave che consentono agli studenti di tenere i loro telefoni invece di doverli lasciare soli negli armadietti. Altri hanno installato stazioni di ricarica nelle aule, scommettendo che la visibilità e il valore di una carica manterranno gli studenti a proprio agio. Poi ci sono gli insegnanti che hanno deciso di donare credito extra e altri premi per incoraggiare i più volonterosi.

Tuttavia, gli studenti non sempre apprezzano gli sforzi dei docenti.

Forse perché una droga è una droga e farne a meno sarà sempre una sofferenza.

Leggi anche Storie e Notizie

venerdì 17 gennaio 2020

Scuole ricche che aiutano scuole povere

La Liberia è uno dei paesi più poveri della Terra e i Kamara sono una delle sue famiglie più povere. Vivono coltivando ortaggi sulla terra intorno alla baracca.

Nelle famiglie che rimangono vicine alla sussistenza come questa, mandare i loro figli a scuola non ha molto senso. Imparare a leggere e scrivere, a fare addizioni e sottrazioni, potrebbe essere un investimento in un futuro a lungo termine, ma non mette cibo sul tavolo oggi o domani.

Eppure i piccoli Kamara partono ogni giorno per il

viaggio di 40 minuti per andare a scuola. Quando piove a dirotto, come spesso accade in questo periodo dell'anno, portano le uniformi in una vecchia borsa per tenerle asciutte, e le indossano quando arrivano a scuola.

Nella scuola pubblica Vorkor in un villaggio vicino al centro regionale di Tubmanburg, il fumo è alimentato da una "cucina" aperta, dove diverse donne sono impegnate su un fuoco a preparare la cena di oggi in vaste pentole. Tra un paio d'ore, la piccola Massa Kamara, che ha una scodella nella sua borsa, si schiererà con i suoi compagni di classe per riempirla di riso e fagioli. A Vorkor, i pasti non sono solo una parte importante della giornata degli alunni: è la parte più importante della giornata. Ed è perché la sua famiglia sa che riceverà un pasto nutriente qui che si assicurano che Massa non perda mai la scuola.

A tremila miglia di distanza, all'incirca nello stesso momento, anche gli alunni della scuola elementare Good Shepherd nella parte ovest di Londra sono seduti a pranzo; e anche se non conoscono Massa e non hanno nemmeno sentito parlare della scuola Vorkor, gli alunni delle due scuole sono fondamentali. Perché gli studenti di Good Shepherd raccolgono fondi per Mary's Meals, la ONG che finanzia cene scolastiche a Vorkor e 2.357 altre scuole in 18 paesi in tutto il mondo. E mentre i sostenitori dell'ente benefico provengono da tutta la comunità, nel Regno Unito e altrove, c'è qualcosa di particolarmente commovente nell'idea dei bambini in una parte del mondo che cercano di rendere le cose più giuste per i bambini altrove.

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 16 gennaio 2020

Espulsa da scuola per maglia arcobaleno

Una madre del Kentucky afferma di essere "devastata" dopo che una scuola cristiana locale ha espulso sua figlia di 15 anni a causa di una foto che la ritrae con indosso un maglione arcobaleno davanti a una torta decorata in modo simile.

Kayla Kenney, una matricola alla Whitefield

Academy di Louisville, Kentucky, indossava la maglietta arcobaleno in un ristorante del Texas Roadhouse per il suo compleanno lo scorso 30 dicembre. Sua madre, Kimberly Alford, ha condiviso una foto dell'adolescente in procinto di spegnere le candeline su una torta di compleanno condita con glassa arcobaleno sulla sua pagina Facebook.

La foto ha dimostrato "una posizione di moralità e accettazione culturale contraria a quella delle credenze della Whitefield Academy", secondo quanto riferito il preside Jacobson. Notando che l'immagine è seguito a due anni di "violazioni dello stile di vita" consentito, ha quindi formalmente terminato l'iscrizione di Kenney e l’ha espulsa.

Leggi anche Storie e Notizie

mercoledì 15 gennaio 2020

Molestie a scuola

Più di 80 denunce sono state presentate contro 32 membri del personale della scuola di Saint Paul a Barnes, nel Regno Unito.

L'indagine sulle accuse di abusi nella scuola privata ritenuta leader per i giovani ha rivelato che i reclami fatti da ex allievi contro il personale coprono un periodo che copre sei decenni.

Quasi tre anni fa è stata istituita una revisione

indipendente dei casi per esaminare un numero crescente di accuse di abuso nella scuola situata nel sud-ovest di Londra, dopo che cinque ex membri del personale sono stati condannati per i suddetti reati.

I risultati della revisione, pubblicati lunedì, rivelano per la prima volta il totale delle accuse. 59 ex allievi o le loro famiglie sono stati intervistati nell'ambito dell'indagine e un certo numero di nuove accuse sono state trasmesse alla polizia per le indagini.

La maggior parte dei reclami risale agli anni '60 e '90, ma alcuni membri dello staff coinvolti hanno lavorato nella scuola fino al 2017. Mentre la revisione si è concentrata su St Paul, le raccomandazioni hanno lo scopo di informare e affrontare ciò che viene descritta come una lacuna del sistema nazionale.

Leggi anche Storie e Notizie

martedì 14 gennaio 2020

Scuola razzista verso i Nativi Americani

Meno di un anno dopo aver votato per rimuovere il nome di una mascotte della scuola che alcuni nativi americani avevano ritenuto razzista, il consiglio scolastico di una piccola città del Connecticut ha votato per ripristinarlo.

I Redmen (Uomini rossi) che erano diventati Redhawks (Falchi rossi) in autunno, saranno ora conosciuti di nuovo come Redmen. La decisione fa seguito all'elezione di un consiglio scolastico a maggioranza repubblicana a Killingly, nel Connecticut, una città di circa 17.000 abitanti nel nord-est del Connecticut. Il consiglio era stato in precedenza democratico di maggioranza.

I repubblicani alle elezioni di novembre si sono

espressi in gran parte sulla piattaforma per riportare la mascotte dei Redmen alla Killingly High School, hanno detto i membri del consiglio.

Un sondaggio scolastico ha mostrato che la maggior parte degli studenti voleva mantenere la mascotte dei Redmen, mentre la maggior parte del personale di Killingly voleva sostituirlo.

Alcuni nativi americani hanno affermato che usare il nome Redmen come mascotte scolastica a Killingly è senza dubbio razzista.

"Siamo in un momento in cui il dolore e la decimazione dei nostri antenati sono molteplici, rievocati e commercializzati", ha dichiarato Angelina Casanova-Bell, responsabile degli affari legislativi nazionali per la nazione tribale Mashantucket Pequot situata nel Connecticut sud-orientale.

Leggi anche Storie e Notizie

venerdì 10 gennaio 2020

Scuole uguali per tutti

NEW YORK CITY è famosa per la sua diversità. Eppure più di un milione di alunni della città, che sono per lo più non “bianchi”, frequentano alcune delle scuole più segregate del paese. Sono persino più segregati delle scuole in alcune città del sud come Atlanta. Ma un distretto scolastico a Brooklyn sta mostrando i primi segni di successo in una spinta verso l'integrazione.

Il distretto 15 comprende costose case in pietra

arenaria a Park Slope, enclavi di immigrati a Sunset Park e uno dei più grandi progetti di edilizia popolare del paese a Red Hook. Nonostante ciò, è rimasto intensamente segregato. I bambini più ricchi, e di solito “bianchi”, in età scolare accorrevano nelle "buone scuole" del distretto. L'anno scorso, dopo una campagna per genitori, il distretto ha eliminato le schermate di ammissione, che includevano punteggi dei test, presenze e registri di comportamento, per le sue 11 scuole medie. I genitori classificano ancora le loro scuole preferite, ma ora il distretto utilizza una lotteria, con il 52% dei posti in ogni scuola riservati agli alunni che provengono da famiglie povere, che stanno ancora imparando l'inglese o sono senza casa.

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 9 gennaio 2020

Le scuole meno ricche hanno i migliori studenti

Accade in Sud Africa. Due scuole private relativamente "economiche" sono state classificate tra le migliori scuole private - addebitando circa la metà delle tasse scolastiche rispetto alle colleghe più costose.

La Independent Examinations Board (IEB) la

scorsa settimana ha pubblicato un elenco degli 81 migliori matriculanti per il 2019, che si sono classificati nel 5% top in cinque materie.

L'IEB è l'agenzia d'esame per le scuole private del Sudafrica.

La King David High School Linksfield, che si classifica come l'ottava scuola diurna più costosa del paese, ha prodotto sei immatricolanti migliori - il massimo nel paese.

Tuttavia, il Midstream College - la scuola privata più economica inclusa nell'elenco - è stata la seconda scuola con le migliori prestazioni.


Leggi anche Storie e Notizie

martedì 7 gennaio 2020

Studenti spiati a scuola

Sotto sorveglianza digitale: come le scuole americane spiano milioni di bambini.

Per Adam Jasinski, direttore tecnologico di un distretto scolastico fuori St Louis, nel Missouri, il monitoraggio delle e-mail degli studenti era un lavoro che richiedeva molto tempo. Jasinski eseguiva ricerche per parole chiave degli account e-mail della scuola ufficiale per i 2.600 studenti del distretto, alla ricerca di parole come "suicidio" o "marijuana". Quindi avrebbe dovuto leggere tutti i messaggi che includevano una delle parole. Il processo occasionalmente catturava alcuni comportamenti, ma "era ingombrante", ha ricordato Jasinski.

L'anno scorso Jasinski venne a conoscenza di una

nuova opzione: dopo le riprese della scuola a Parkland, in Florida, la società tecnologica Bark offriva alle scuole una sorveglianza gratuita, automatizzata e 24 ore su 24 di ciò che gli studenti scrivevano nelle loro e-mail, documenti condivisi e messaggi di chat e invio di avvisi ai funzionari scolastici ogni volta che la tecnologia di monitoraggio segnalava le frasi.

Gli avvisi automatici hanno cambiato la situazione, ha affermato Jason Buck, preside della scuola media del distretto del Missouri. Un venerdì sera dello scorso autunno, Buck stava guardando la televisione a casa quando Bark lo avvertì che uno dei suoi studenti aveva appena scritto un'email a un altro studente che parlava di autolesionismo. Il preside chiamò immediatamente la madre del primo studente: "Lo studente è con te?" Chiese. "Sono al sicuro?"

Prima che la sua scuola usasse il metodo Bark, disse il preside, i funzionari scolastici non avrebbero saputo del cyberbullismo o di uno studente che parlava di farsi del male a meno che uno dei loro amici non decidesse di parlarne con un adulto. “Ora”, ha detto, “l'altro studente non deve sentirsi come se stesse tradendo o scherzando su qualcosa del genere.”

Che ne pensate?

Leggi anche Storie e Notizie