giovedì 24 settembre 2020

Priorità all'istruzione nel mondo appello ONU e UE

Poiché le scuole rimangono chiuse per metà degli studenti del mondo a causa della pandemia COVID-19, stiamo emettendo un messaggio S.O.S. che esorta i paesi a dare la priorità alle scuole nei loro piani di riapertura. La pandemia ha esposto e aggravato profonde disuguaglianze nell'accesso alle scuole, nell'apprendimento di qualità e nella connettività digitale. Ha anche messo in luce le debolezze dei nostri sistemi educativi, compreso un accesso inadeguato all'acqua e ai servizi igienici e la mancanza di preparazione per resistere alle crisi. Al culmine dei blocchi del COVID-19, le scuole sono state chiuse per oltre il 90% della popolazione studentesca mondiale, lasciando almeno un terzo di questi bambini completamente escluso dall'istruzione. Oggi, 875 milioni di studenti rimangono colpiti. Le conseguenze per la loro educazione, protezione e benessere non possono essere sottovalutate. Quando i bambini perdono l'istruzione corrono maggiori rischi di sfruttamento, violenza, abuso e abbandono. I bambini provenienti da famiglie in difficoltà affrontano il doppio fardello di perdere la loro istruzione e perdere la sicurezza che la scuola fornisce loro. Le ragazze corrono un rischio maggiore di matrimoni precoci e forzati e di gravidanza precoce. L'UE sostiene l'appello del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres affinché i paesi diano priorità all'istruzione, all'alimentazione, alla salute e alla sicurezza dei bambini in mezzo alla pandemia COVID-19 e, insieme al gruppo dei paesi dell'America latina e dei Caraibi e al gruppo di amici di Children and the SDGs - ha avviato una dichiarazione di sostegno all'appello.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

giovedì 17 settembre 2020

Mascherine sì contro mascherine no

Nel regno unito a dei genitori è stato chiesto di indossare una maschera durante la corsa scolastica nel tentativo di affrontare l'aumento dei casi di coronavirus. Il proponimento dei funzionari del Leicestershire arriva quando il numero di casi in una parte della contea è triplicato in una settimana. Ne consegue che le scuole di tutto il paese chiedono ai genitori di indossare le mascherine ai cancelli delle scuole. Una lettera inviata ai genitori dice che l'allontanamento sociale ai cancelli della scuola era stato "difficile" per alcuni, quindi questo avrebbe aiutato a rallentare la diffusione. Alcuni genitori hanno criticato la decisione e messo in dubbio il motivo per cui è stata adottata solo ora, a due settimane dall'inizio del mandato. Un genitore, della scuola elementare di Glen Hills a Glen Parva, ha dichiarato: "Mi rendo conto che dobbiamo fare tutto il possibile per prevenire la diffusione del virus, ma ormai da settimane abbiamo abbandonato e ripreso e non è stato detto nulla fino a quando oggi. Perché adesso? Perché non all'inizio del trimestre? " Sonia Rai, 37 anni, ha detto che la sua scuola, Launde Primary School di Oadby, ha chiesto alle persone di indossare mascherine fuori dalla scuola dall'inizio dell'anno. Ha detto: "È una buona idea, soprattutto quando i ricoveri e i casi ospedalieri stanno aumentando. Dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere i nostri bambini". I genitori al di fuori della scuola primaria di Ashby Hill Top avevano opinioni divergenti: mascherine sì e mascherine no. Chi ha ragione?

Leggi anche Storie e Notizie

mercoledì 16 settembre 2020

Coronavirus e scuole: genitori e insegnanti sono eroi

Alcuni dei maggiori funzionari mondiali della sanità e dell'istruzione hanno avvertito oggi che i ritardi nella riapertura sicura delle scuole causeranno danni permanenti e che molte comunità che si stanno dirigendo verso i mesi invernali dovranno affrontare scelte difficili necessarie per mantenere le scuole aperte, scrive Lisa Schnirring. I livelli di COVID-19 stanno salendo a livelli preoccupanti in diversi paesi del Medio Oriente. Il totale globale oggi è salito a 29.398.712 casi e 930.910 persone sono morte a causa delle loro infezioni, secondo il dashboard online di Johns Hopkins. Durante un briefing con i media organizzato oggi dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Audrey Azoulay, direttore generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'istruzione, la scienza e la cultura (UNESCO), ha affermato che metà della popolazione in età scolare non ha ancora ripreso la scuola. Ha aggiunto che gli intervalli più lunghi aumentano la possibilità di danni permanenti e che le chiusure in corso comportano il rischio che 11 milioni di ragazzi non tornino mai a scuola. Henrietta Fore, MPA, direttore esecutivo dell'UNICEF, ha affermato che al culmine della pandemia, 1,6 miliardi di bambini in 192 paesi sono stati rimandati a casa da scuola e 9 mesi dopo, 872 milioni in 51 paesi non sono ancora stati in grado di tornare a nelle loro classi, e per 463 milioni di loro, non c'è apprendimento remoto a causa della mancanza di accesso a Internet, computer o dispositivi mobili. Ha anche detto che un nuovo sondaggio su 158 paesi ha rivelato che 1 su 4 non ha fissato una data per la riapertura della scuola. Fore ha sottolineato oggi che le scuole forniscono un ambiente favorevole per l'apprendimento e la salute, e la chiusura delle scuole aumenta l'esposizione alla violenza fisica ed emotiva. Le organizzazioni oggi hanno esortato i governi a dare la priorità alla riapertura delle scuole, una volta tolte le restrizioni COVID-19. Ieri hanno aggiornato la loro guida sulle misure COVID-19 relative alla scuola. I funzionari dell'OMS hanno sottolineato che le scuole fanno parte delle comunità e non sono immuni dal giocare un ruolo nella diffusione della comunità. Al briefing di oggi, Mike Ryan, MD, che dirige il programma per le emergenze sanitarie dell'OMS, ha affermato che poiché le persone entrano in maggiore contatto nei mesi a venire, i paesi affrontano un momento chiave nel considerare le scuole mentre pesano i loro valori. Ha detto che le comunità dovranno trovare modi per frenare la diffusione del virus negli adulti per proteggere le popolazioni vulnerabili e per mantenere le scuole aperte, il che potrebbe significare, ad esempio, la chiusura dei locali notturni quando i livelli di malattia della comunità stanno aumentando. "C'è un tempo per prendere decisioni con l'avvicinarsi dell'inverno e non ci sono risposte giuste", ha detto. "Le conversazioni devono essere tenute in molti paesi Non ci sono proiettili magici e non possiamo cercare unicorni". Ha elogiato il lavoro svolto da insegnanti, amministratori e gruppi di genitori per aprire le scuole e li ha definiti eroi. "Stanno facendo tutto il possibile e i governi e le comunità devono sostenerli". 

Leggi anche Storie e Notizie

venerdì 11 settembre 2020

Madre manda a scuola la figlia con il Covid

Era il secondo giorno di scuola. “Fino alle 15 è stata una bella giornata, tutto era andato bene”, ricorda il preside della scuola pubblica República del Uruguay di Madrid, che ha preferito non dare il suo nome. Quando ha aperto le porte della scuola, chiusa da quasi sei mesi a causa della pandemia di coronavirus, sapeva che prima o poi sarebbe potuto succedere qualcosa, scrive Victoria Torres Benayas.
La scuola si trova nel distretto meridionale di Latina, molto vicino a Carabanchel, una delle zone più colpite dalla crisi del Covid-19 a Madrid. L'incidenza cumulativa del virus in 14 giorni a Carabanchel è di 779,5 casi ogni 100.000 abitanti, significativamente superiore alla media cittadina di 590,4 casi. In un dato giorno, uno dei 500 bambini della scuola materna e primaria, o gli insegnanti di circa 30 al centro, potrebbero contrarre il Covid-19. "Quello che non mi aspettavo è che sarebbe successo così presto, né mi aspettavo la tremenda irresponsabilità dei genitori", dice.

"Loro [i genitori] hanno portato i bambini a scuola con i pidocchi, con la febbre, direttamente dall'ospedale... ma non mi aspettavo che una madre portasse sua figlia a scuola sapendo che stava aspettando i risultati di un test Covid-19 e sapendo che poteva essere positiva. La madre ne era perfettamente consapevole ”, spiega il preside, che da due anni si occupa di quella che definisce una scuola“ travagliata ”. Pensava che ormai non potesse più essere sorpreso dalle azioni dei genitori, ma si sbagliava.

In entrambi i giorni, è stata misurata la temperatura della studentessa, ma non aveva "alcun sintomo".

Secondo il preside, quando la madre è venuta a prendere sua figlia alle 3 del pomeriggio, non gli ha detto che suo figlia era risultato positiva al Covid-19, ma ha invece parlato al monitor della mensa. "Ha detto [al supervisore della mensa] che sua figlia non sarebbe andata a lezione il giorno successivo perché aveva appena scoperto di avere il coronavirus", dice.

Quando il preside della scuola ha chiamato la madre, è rimasto scioccato da ciò che ha detto. La madre ha confessato che sua figlia era stata sottoposta al test per Covid-19 perché la ragazza aveva convissuto con casi positivi. "Come hai potuto portare la ragazza a scuola in queste circostanze?" chiese alla madre. Secondo il preside, ha risposto: "Beh, non sapevamo con certezza se ce l'avesse, sarebbe potuto andare in entrambi i modi".

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 10 settembre 2020

Coronavirus e rischi per gli insegnanti

Quattro insegnanti in almeno tre stati sono morti negli USA di Covid-19 all'alba del nuovo anno scolastico e un dirigente sindacale degli insegnanti teme che il ritorno alle lezioni di persona avrà un impatto mortale negli Stati Uniti se non vengono prese precauzioni adeguate, scrivono Jim Salter e Leah Willingham, dall'Associated Press.

AshLee DeMarinis aveva solo 34 anni quando è morta domenica dopo tre settimane in ospedale. Ha insegnato abilità sociali ed educazione speciale alla John Evans Middle School di Potosi, Missouri, a circa 70 miglia (115 chilometri) a sud-ovest di St. Louis.

Un insegnante di terza elementare è morto lunedì nella Carolina del Sud e altri due educatori sono morti di recente nel Mississippi. Non è chiaro quanti insegnanti negli Stati Uniti si siano ammalati di COVID-19 dall'inizio del nuovo anno scolastico, ma solo il Mississippi ha segnalato 604 casi tra insegnanti e personale scolastico.

Randi Weingarten, presidente dell'American Federation of Teachers, ha affermato che le scuole hanno bisogno di linee guida come coperture obbligatorie per il viso e rigide regole di distanziamento sociale per riaprire in sicurezza.

"Se la diffusione della comunità è troppo alta come nel Missouri e nel Mississippi, se non si dispone dell'infrastruttura di test e se non si dispone delle protezioni che impediscono la diffusione di virus nella scuola, riteniamo che non sia possibile riaprire di persona ", ha detto Weingarten.

Leggi anche Storie e Notizie

venerdì 4 settembre 2020

Alunni con bisogni speciali e riapertura delle scuole

Ecco un’altra situazione che riguarda anche noi e a cui dovremmo prestare molta attenzione.
Gli alunni con bisogni speciali in Inghilterra sono stati "dimenticati" nella fretta di ricominciare l'istruzione a tempo pieno, con 20.000 bambini con bisogni speciali che difficilmente torneranno a scuola a causa di problemi di sicurezza, secondo uno studio, scrive Richard Adams.

I genitori di bambini con bisogni educativi speciali e diversamente abili hanno affermato di essere preoccupati di rimandare i loro figli a scuola a settembre perché sono vulnerabili dal punto di vista medico o perché i bisogni dei loro figli significano che non possono aderire alle distanze sociali e alla pratica sicura.

I presidi di oltre 200 scuole e college in Inghilterra hanno detto ai ricercatori che la guida del governo non era chiara e ha mostrato una mancanza di comprensione di come funzionano le scuole speciali, i tipi di alunni che supportano e quanto si affidano ad altri servizi chiave, tra cui l'assistenza sanitaria e locale.

Amy Skipp, direttrice di ASK Research, che ha guidato il progetto, ha dichiarato: “Presidi e genitori ci hanno raccontato ripetutamente di come si sentivano dimenticati. I messaggi del governo e la guida emessa sono stati così confusi per i bambini con bisogni speciali che hanno affrontato una situazione impossibile negli ultimi mesi ".

Skipp ha detto che quei bambini spesso non sarebbero stati in grado di accedere al supporto di cui avevano bisogno nonostante la riapertura delle scuole.

"Ai genitori non dovrebbe essere chiesto di scegliere tra la salute dei loro figli e la loro istruzione", ha detto Skipp.

“Molte scuole speciali hanno dimostrato una straordinaria innovazione e impegno durante il blocco con il personale che si è prodigato per aiutare queste famiglie. Il governo dovrebbe imparare da ciò che ha funzionato e riflettere questo livello di impegno agendo ora, fornendo indicazioni specifiche per questi contesti e fornendo le risorse aggiuntive di cui avranno bisogno ".

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 3 settembre 2020

Riapertura delle scuole in Europa: come si procede

In tutta Europa, le scuole stanno riaprendo dopo la pausa estiva e un prolungato periodo di lavoro a distanza a causa della pandemia di coronavirus.
Per la maggior parte, gli alunni troveranno la scuola un posto diverso da quando l'hanno lasciata, con maschere, disinfettanti e controlli della temperatura che diventeranno una parte fondamentale della giornata scolastica.
Vediamo cosa aspettarsi in ogni paese:

Gran Bretagna:

Le scuole primarie hanno riaperto in Inghilterra il 1 giugno, iniziando con alcuni gruppi annuali. Gli studenti delle scuole secondarie di età compresa tra 15 e 18 anni sono tornati il 15 giugno. Tutti gli altri anni sono tornati a tempo pieno per il nuovo anno scolastico questa settimana. Le scuole scozzesi sono state riaperte l'11 agosto.

Francia:

Le scuole riaprono il 1 settembre. Gli studenti di età superiore a 11 anni devono indossare sempre mascherine, anche al chiuso. Le scuole devono limitare la mescolanza di gruppi di classi e ventilare e disinfettare le aule.
La frequenza scolastica è obbligatoria, sebbene le scuole possano adattarsi a un aumento delle infezioni locali da coronavirus, ad esempio limitando la frequenza per alcuni giorni o settimane. In caso di una grave epidemia regionale, le scuole possono chiudere temporaneamente.

Germania:

I bambini tornano a scuola a tempo pieno dall'inizio di agosto. Nella maggior parte degli stati, i bambini e gli insegnanti devono indossare mascherine al chiuso tranne quando sono ai loro banchi.

Paesi Bassi:

Le scuole elementari e superiori olandesi hanno iniziato a riaprire gradualmente in agosto, come di consueto.
Le lezioni delle scuole primarie e superiori si svolgono faccia a faccia. Né gli studenti né gli insegnanti sono tenuti a indossare mascherine per il viso. Alcuni insegnanti sono stati riluttanti a tornare al lavoro e un certo numero di scuole ha introdotto i propri requisiti di mascherina.

Spagna:

Le scuole primarie e secondarie iniziano l'anno accademico nelle regioni nelle prime tre settimane di settembre.
La frequenza scolastica è obbligatoria, così come le maschere per il viso in classe per i bambini dai sei anni in su. Gli studenti devono lavarsi le mani almeno cinque volte al giorno. Deve essere osservato il distanziamento sociale, tranne che tra i membri di una “bolla”, un piccolo gruppo di bambini che devono prendere le distanze dai membri di altre bolle. I controlli della temperatura vengono effettuati ogni mattina, a scuola o a casa.

Leggi anche Storie e Notizie

mercoledì 2 settembre 2020

Ritorno a scuola nel mondo: bisogna fare di più

Man mano che i bambini in Europa e in Nord America tornano a scuola, guardiamo alle loro controparti in tutto il mondo. In che modo i bambini, in paesi come Madagascar, Afghanistan e Haiti, tornano a scuola?

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2020, la pandemia COVID-19 ha creato "la più grande interruzione dei sistemi educativi in tutto il mondo, colpendo 1,6 miliardi di studenti in 190 paesi". Poiché le scuole in Europa e Nord America, anticipano l'inizio del trimestre, la domanda non è mai stata se torneranno a scuola, ma come continueranno a plasmare le giovani menti nella "nuova normalità".

Per coloro che risiedono in paesi già intrappolati in un ciclo di povertà in zone di disastro e conflitto, l'attuale pandemia COVID-19 minaccia di privare un'intera generazione di opportunità. In questi paesi, estendere i finanziamenti per la risposta umanitaria e garantire che COVID-19 non si diffonda ulteriormente è al centro della scena. La questione della riapertura della scuola e dell'istruzione purtroppo non è una priorità assoluta.

Delphine Pinault, coordinatrice della difesa della politica umanitaria di CARE e rappresentante delle Nazioni Unite, dipinge un quadro cupo. "I piani di risposta umanitaria in alcune delle più grandi crisi sono a malapena finanziati. L'Afghanistan è finanziato solo per il 28% e Haiti il 16%. Al Venezuela rimane uno scioccante 8% finanziato, mentre altri due paesi con la massima priorità per le crisi umanitarie: lo Yemen e la Repubblica Democratica del Congo - sono tra i peggiori finanziati rispettivamente al 24% e al 22%. Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi per sostenere i finanziamenti per i piani di risposta umanitaria esistenti".

Abitanti di "uno dei paesi più fragili del mondo", negli ultimi dieci anni i cittadini dell'Afghanistan sono stati testimoni di un'ondata senza precedenti di conflitti, valanghe, siccità, inondazioni e smottamenti. Durante la pandemia, i 9,2 milioni di studenti del Paese (di cui il 39% ragazze), si sono trovati senza una scolarizzazione regolare e senza una reale chiarezza su come, quando o se poter tornare indietro.

"Con tali shock e sotto una pressione così crescente, alcuni bambini potrebbero non tornare più a scuola", sottolinea Rachel Hartgen, Direttore dell'Istruzione di CARE. "Le loro famiglie devono fare scelte difficili in contesti così difficili".

"La chiusura prolungata delle scuole è correlata a un aumento degli abbandoni scolastici, mette i bambini a rischio di problemi di protezione, come il lavoro minorile, la violenza di genere (inclusa la violenza domestica e il matrimonio precoce) e diminuisce i guadagni di apprendimento", ha detto Wahidullah Wahid, CARE Afghanistan's Coordinatore senior del programma educativo.

In collaborazione con il Ministero dell'Istruzione (MoE) dell'Afghanistan, CARE ha distribuito radio e TV a comunità rurali, spesso trascurate, per garantire che questi bambini rimangano in contatto con gli insegnanti, le loro lezioni e l'un l'altro. Tuttavia, mentre i libri possono essere acquistati, le radio distribuite e le lezioni recuperate, il danno arrecato alla salute mentale di questi bambini rimane un territorio inesplorato.

"Stiamo assistendo a un aumento delle segnalazioni di grave ansia, soprattutto tra le ragazze più grandi", ha detto Wahid. Lavorando con partner locali, CARE ha formato insegnanti locali per affrontare questo problema, nonché problemi di violenza di genere e matrimoni forzati durante questo periodo. Bisogna fare di più.

Leggi anche Storie e Notizie

venerdì 17 luglio 2020

Timori dei genitori per la riapertura delle scuole

Altro feed back dall’estero sulla riapertura delle scuole e le sue difficoltà.

Quando le scuole di New York City hanno pubblicato un piano per riaprire le sue 1.800 scuole in autunno, genitori come Ruzanna Yesayan si sono sentiti frustrati, scrive Megan Leonhardt.

Per accogliere i consigli di allontanamento sociale e di orientamento sulla sicurezza da parte del CDC, le scuole di New York City stanno pianificando che i bambini frequentino le lezioni virtualmente e scaglionino il loro tempo in classe. La maggior parte frequenterà la scuola di persona circa due giorni alla settimana, secondo il Dipartimento dell'Educazione di New York, che sovrintende al più grande distretto scolastico degli Stati Uniti.

Ma per Yesayan, che gestisce un'azienda di produzione con suo marito, Randy, questo è uno scenario da incubo: ora sta cercando di trovare soluzioni di cura alternative per i suoi gemelli di 4

anni che inizieranno questo autunno . "Il piano di riapertura della scuola proposto dal sindaco e dal Dipartimento dell'Istruzione è un disastro per le famiglie che lavorano", afferma. "I genitori saranno costretti a fornire soluzioni alternative di assistenza all'infanzia nei giorni in cui i bambini non sono a scuola."

Le opzioni di cura sono ridotte per Yesayan. "Non abbiamo alcuna famiglia nelle vicinanze per aiutarci con la cura dei bambini, e al momento non possiamo permetterci una baby-sitter che potrebbe sorvegliare i nostri bambini nei giorni in cui non vanno a scuola", afferma Yesayan. "I nostri progetti e clienti sono molto impegnativi e non possiamo fare il nostro lavoro mentre ci comportiamo come insegnanti per i nostri gemelli".

Ruzanna Yesayan, madre di Brooklyn, afferma che in autunno non ci saranno soluzioni facili per la cura dei figli dei suoi gemelli di 4 anni.

Tuttavia, mentre Yesayan si preoccupa di trovare assistenza all'infanzia per i giorni in cui i suoi figli non vanno a scuola, dice che di tornare indietro a tempo pieno non si sente nemmeno adesso. "Il messaggio che la città, il Dipartimento dell'Istruzione e alcuni insegnanti stanno inviando è che le scuole di New York City sono fondamentalmente non sicure", afferma. "Non capisco come valga la pena mettere i bambini a scuola per 2 giorni alla settimana? Perché dovrei compromettere la sicurezza della mia famiglia? Non ha senso. "

La soluzione più praticabile per la sua famiglia potrebbe essere quella di lasciare New York. "Nessuna delle soluzioni è facile e molto probabilmente dovremo lasciare la città", afferma Yesayan, aggiungendo che lei e suo marito stanno pensando di trasferirsi in California, almeno temporaneamente, per essere più vicini alla famiglia che può aiutare nella cura dei figli. "Viviamo in città dal 2007 e lo adoriamo. Tuttavia, penso che il governo federale, statale e comunale e il Dipartimento dell'Educazione abbiano completamente fallito riguardo alle famiglie della classe media e operaia ”, afferma.

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 16 luglio 2020

Genitori che preferiscono la scuola da casa

Nonostante le sfide dell'apprendimento da remoto, alcuni genitori stanno pensando di insegnare ai bambini a casa questo autunno.
Nel tumulto dell'apprendimento in quarantena di questa primavera, Pamela Ononiwu, della contea di Fairfax, in Virginia, non si aspettava che i suoi tre bambini in età scolare elementare potessero effettivamente imparare di più a casa, scrive Melody Warnick.

Eppure, al di fuori delle pressioni accademiche e delle agonie sociali della routine scolastica quotidiana, hanno prosperato, al punto che sta pianificando fare scuola a casa a tempo pieno questo autunno. "Uno dei miei bambini aveva mal di testa ogni giorno e da quando è a casa, questi mal di testa da tensione sono inesistenti", ha spiegato la madre. "Quel bambino è molto felice."

Negli USA, mentre alcuni genitori stanno

contando i giorni fino a quando non riusciranno a riportare i loro figli in classe, un numero crescente di famiglie sta pensando all'istruzione a casa questo autunno. Per alcuni, sembra l'opzione più ragionevole durante una pandemia. Per altri, è perché hanno visto i vantaggi in prima persona.

Di recente, tuttavia, le organizzazioni scolastiche a casa stanno assistendo a un aumento di interesse da parte dei genitori. Alla National Home School Association, con sede a Denver, le indagini durante il primo mese dopo la chiusura delle scuole erano principalmente da parte di genitori che "erano appena persi e confusi e desideravano qualsiasi tipo di orientamento che potessero ottenere", ha dichiarato J. Allen Weston, direttore esecutivo dell'associazione . Ora, il signor Weston ha detto che non può tenere il passo con un assalto di e-mail e messaggi telefonici. "L'interesse è esploso", ha detto.

I genitori devono essere consapevoli che esiste una differenza tra l'apprendimento online a casa, guidato da un insegnante della scuola del bambino e la scuola a casa, durante la quale il genitore diventa l'educatore.

E i genitori devono rispettare le regole del distretto scolastico in cui vivono. A New York City, ad esempio, i genitori devono inviare una lettera di intenti al distretto scolastico, un piano di istruzioni a casa e rapporti trimestrali. Ma altri stati hanno meno regole per l'istruzione a casa. In Texas sono richieste solo cinque materie: matematica, lettura, ortografia, grammatica e buona cittadinanza. La scienza e la storia non sono obbligatorie, ma sono consigliate per gli studenti universitari.

Leggi anche Storie e Notizie

mercoledì 15 luglio 2020

Insegnanti preoccupati per la riapertura delle scuole

Altra testimonianza dall’estero su come sta andando la riapertura delle scuole.

Dopo mesi fuori dall'aula, Sarah Gross, un'insegnante di inglese delle superiori del New Jersey, è desiderosa di riaprire le scuole in autunno, scrive Dakin Andone.
Ma è scettica su come ciò possa accadere in sicurezza mentre i casi di Covid-19 aumentano in tutto il paese.
"Voglio disperatamente tornare nella mia classe", ha detto Gross alla CNN. "Ma penso che molte persone che chiedono la riapertura delle scuole, soprattutto perché abbiamo bisogno di assistenza all'infanzia o per far ripartire l'economia, non hanno idea di come siano le scuole oggi".
Gli insegnanti che hanno parlato con la CNN hanno detto che stanno cercando di risolvere una valanga di domande senza risposta sulla scuola in mezzo a una pandemia globale. All'aumentare del

numero dei casi di coronavirus, stanno soppesando i rischi per studenti e colleghi, le loro famiglie e se stessi.
Le decisioni sull'opportunità di riaprire le scuole e in quale qualità sono state per lo più lasciate ai distretti scolastici, con una guida da parte dei funzionari statali e dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.
Ma mentre il presidente Donald Trump, il segretario all'istruzione Betsy DeVos e altri politici spingono le scuole a riaprire, non ci sono risposte facili.

"Penso che molte volte la gente dimentichi che i bambini non vanno a scuola da soli", ha detto Gross. "Le scuole sono gestite da molti adulti e molti di loro sono particolarmente vulnerabili al coronavirus".
Phil Strunk, 28 anni, insegnante di storia degli Stati Uniti nella scuola media nel nord della Virginia, ha dichiarato che "gli piacerebbe tornare a scuola fintanto che lo facciamo in sicurezza".
"Ma ho una moglie incinta a casa", ha detto. "Non voglio portarle nulla a casa."
Jordan Grinnell, 33 anni, insegnante di giornalismo delle superiori nella zona di Dallas, non ha figli né condizioni di salute di base. Ma vede i suoi genitori ogni settimana. Entrambi hanno sessant'anni e Grinnell si preoccupa di passargli qualcosa, in particolare dopo il recente intervento di suo padre per il cancro alla prostata.
"Se torno a scuola", si chiese, "significa che non devo visitarli per un intero semestre?"
Gli insegnanti temono anche per i loro colleghi, alcuni dei quali sono vulnerabili al coronavirus perché sono più anziani o hanno precarie condizioni di salute. Gross, che ha 37 anni, ha dichiarato di non essere preoccupata solo per gli insegnanti, ma anche per gli autisti di autobus, i sussidi per il pranzo e le segretarie.
Angela McByrd, 30 anni, insegnante di statistica delle scuole superiori per una rete di scuole charter di Chicago, ha sottolineato che le aule non sono i posti più sanitari per cominciare. "I bambini si ammalano facilmente e possono sicuramente diffondere le cose molto rapidamente", ha detto McByrd.

Prima del coronavirus, i genitori avrebbero mandato i loro bambini a scuola malati, ha detto McByrd. "E mi chiedo se quel genere di cose accadrà in questo momento", ha detto, "perché i genitori non hanno assistenza all'infanzia".

Manuel Rustin si preoccupa per i suoi studenti e le loro famiglie. Rustin, un insegnante di storia del liceo di 40 anni a Pasadena, in California, ha affermato che molti dei suoi allievi vivono in unità familiari allargate, con parenti più anziani. E teme che gli studenti possano portare a casa il coronavirus.
Ma odia l’idea di immaginare uno studente che si ammala a scuola.

Leggi anche Storie e Notizie