martedì 28 gennaio 2020

Bambini senza scuola: otto milioni in Africa

Un nuovo rapporto dell'UNICEF pubblicato martedì scorso quantifica l'allarmante costo umano della violenza crescente in Africa occidentale. Più di 8 milioni di bambini in età scolare in Burkina Faso, Mali e Niger sono stati costretti a lasciare la scuola. Quasi 1 milione di persone sono ora sfollate, con oltre la metà di quelle provenienti dal Burkina Faso.
"Quando vai a scuola vedi che esiste una possibilità diversa: speri di poter diventare qualcuno, ma ora questi bambini non hanno una vita normale", ha detto alla CNN Anne Vincent, rappresentante dell'UNICEF in Burkina Faso.

La velocità e le dimensioni della crisi del Burkina

Faso hanno scioccato gli osservatori. Negli ultimi anni, la violenza estremista ha devastato la Libia, il Mali e la Nigeria settentrionale, ma il Burkina Faso e il suo vicino Niger sono rimasti in gran parte immuni. Questo sta rapidamente cambiando.
"Si può ora affermare che un terzo del paese ha gravi problemi di sicurezza. Questo è un grande mutamento. Solo tre anni fa c'erano speranze, qui, sulla maggior parte dei fronti. Il paese è arretrato di 10 a 15 anni ed è terribile testimoniarlo", ha aggiunto Vincent.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento