martedì 7 gennaio 2020

Studenti spiati a scuola

Sotto sorveglianza digitale: come le scuole americane spiano milioni di bambini.

Per Adam Jasinski, direttore tecnologico di un distretto scolastico fuori St Louis, nel Missouri, il monitoraggio delle e-mail degli studenti era un lavoro che richiedeva molto tempo. Jasinski eseguiva ricerche per parole chiave degli account e-mail della scuola ufficiale per i 2.600 studenti del distretto, alla ricerca di parole come "suicidio" o "marijuana". Quindi avrebbe dovuto leggere tutti i messaggi che includevano una delle parole. Il processo occasionalmente catturava alcuni comportamenti, ma "era ingombrante", ha ricordato Jasinski.

L'anno scorso Jasinski venne a conoscenza di una

nuova opzione: dopo le riprese della scuola a Parkland, in Florida, la società tecnologica Bark offriva alle scuole una sorveglianza gratuita, automatizzata e 24 ore su 24 di ciò che gli studenti scrivevano nelle loro e-mail, documenti condivisi e messaggi di chat e invio di avvisi ai funzionari scolastici ogni volta che la tecnologia di monitoraggio segnalava le frasi.

Gli avvisi automatici hanno cambiato la situazione, ha affermato Jason Buck, preside della scuola media del distretto del Missouri. Un venerdì sera dello scorso autunno, Buck stava guardando la televisione a casa quando Bark lo avvertì che uno dei suoi studenti aveva appena scritto un'email a un altro studente che parlava di autolesionismo. Il preside chiamò immediatamente la madre del primo studente: "Lo studente è con te?" Chiese. "Sono al sicuro?"

Prima che la sua scuola usasse il metodo Bark, disse il preside, i funzionari scolastici non avrebbero saputo del cyberbullismo o di uno studente che parlava di farsi del male a meno che uno dei loro amici non decidesse di parlarne con un adulto. “Ora”, ha detto, “l'altro studente non deve sentirsi come se stesse tradendo o scherzando su qualcosa del genere.”

Che ne pensate?

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento