venerdì 28 febbraio 2020

Scuole come prigioni: controllo telefoni e braccialetti

Gli insegnanti spesso lamentano che i telefoni possono essere una distrazione nelle aule. Alcuni governi hanno addirittura vietato apertamente i telefoni nelle scuole. Ma alcune amministrazioni scolastiche vedono i cellulari a scuola come un vantaggio perché possono aiutare a tenere traccia degli studenti in modo più efficiente.

Almeno 10 scuole negli Stati Uniti hanno installato scanner a radiofrequenza, che raccolgono i segnali Wi-Fi e Bluetooth dai telefoni degli studenti e li tracciano con precisione fino a circa un metro o poco più di un metro, ha

affermato Nadir Ali, CEO della società di tracciamento dei dati indoor Inpixon.

La sua compagnia ha avuto colloqui con altri distretti scolastici e alcune scuole in Medio Oriente stanno prendendo in considerazione il prodotto, ha detto Ali. Non avrebbe rivelato i nomi di tutte le scuole che lavorano con l'azienda.

Le scuole sono interessate a Inpixon perché credono che la tecnologia manterrà gli studenti al sicuro, ha detto Ali. La sua azienda ha proposto che la tecnologia possa aiutare a garantire la sicurezza della scuola raccogliendo segnali dai dispositivi appartenenti alle persone nella lista nera nelle vicinanze.
Ma questo tipo di sorveglianza solleva preoccupazioni sulla privacy, con ogni dispositivo monitorato e seguito su base costante, non solo quelli relativi a potenziali minacce. I genitori possono prendere in considerazione l'acquisto di un tracker per il proprio figlio. Ma è un'altra cosa se il monitoraggio viene implementato su tutta la linea nelle scuole, richiedendo ai genitori di rinunciare se non vogliono che i loro figli vengano tracciati.

E ci sono domande sulla sua efficacia, anche se coloro che supportano una maggiore sorveglianza riconoscono che non fermerà le sparatorie o altri incidenti a scuola.

Inpixon offre già analisi del posizionamento indoor in centri commerciali, uffici e carceri e ora vuole portare la sua tecnologia di localizzazione del telefono nelle scuole. Ha anche uno strumento di localizzazione specializzato per i bambini che non sono abbastanza grandi da avere il proprio telefono.

"Alcune di queste scuole possono avere bambini più piccoli, quindi potrebbero non avere telefoni, quindi c'è un'applicazione in cui c'è un braccialetto o un tag che possono usare al posto di un telefono", ha detto Ali.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento