martedì 17 marzo 2020

Studenti rapiti in Etiopia da dicembre

"Siamo in lutto. Non riesco a smettere di pensare a lei. Tutta la famiglia non riesce a mangiare", ha detto Mare Abebe visibilmente addolorata.

È preoccupata per Belaynesh Mekonnen, una studentessa di economia del primo anno all'università Dembi Dolo in Etiopia, che è stata rapita lo scorso dicembre, insieme a 17 suoi altri studenti.

In qualità di custode di Belaynesh, la signora Mare è sconvolta per la ragazza.

"Stiamo soffrendo. È una brava ragazza, così premurosa, ma ora non sappiamo dove sia. Non sappiamo se sia viva.

"Non avrei mai pensato che potesse succedere a

lei, anche nei miei sogni", dice con la voce rotta.

Il 4 dicembre dell'anno scorso, un gruppo sconosciuto di persone ha bloccato un autobus e rapito gli studenti a bordo che stavano partendo per casa dall'università Dembi Dolo nell'Etiopia occidentale.

Gli studenti, per lo più etnici Amhara, fuggivano dalla violenza etnica e dalle minacce nell'università che si trova nella regione di Oromia.

Un totale di 18 studenti - 14 donne e quattro uomini - sono stati fatti scendere dal veicolo a Sudi vicino alla città di Gambela, a circa 100 km da Dembi Dolo.

Belaynesh era tra i 17 che sono stati denunciati come dispersi, dopo che uno degli studenti, Asmira Shumiye, e riuscito a fuggire.

Fu il racconto di Asmira sul loro rapimento e la sua successiva fuga che portarono la questione all'attenzione del pubblico.

Asmira ha detto che i giovani che li hanno rapiti "sembravano gangster" e parlavano in lingua Afaan Oromo.

"Ci hanno scelto e ci hanno costretto a lasciare l'autobus. Una persona ci ha seguito e li ha supplicati di lasciarci, ma hanno rifiutato.

Ha detto che i rapitori hanno ripetutamente detto loro che non avevano problemi con loro (gli studenti). "Il nostro problema è con il governo.”

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento