lunedì 13 aprile 2020

Scuole private devono aprire i propri spazi al pubblico

La pressione sta aumentando sulle scuole private per aprire la loro terra al pubblico e facilitare il sovraffollamento nei parchi cittadini, con un consulente governativo chiave che esorta i ministri a requisirle per evitare potenziali disordini sociali durante il blocco.

La prof.ssa Susan Michie, del gruppo di

consulenza scientifica del governo sul coronavirus, ha affermato che gli spazi verdi privati dovrebbero essere ufficialmente richiesti dallo Stato per garantire che tutti possano esercitarsi in sicurezza mantenendo le distanze sociali.

Insieme alle scuole indipendenti, Michie ha affermato che i parchi privati e i campi da golf dovrebbero essere temporaneamente utilizzati dal governo per aiutare gli abitanti delle città a migliorare la propria salute fisica e mentale e affrontare la frustrazione durante il blocco.

Esistono 130 scuole private indipendenti nella sola Grande Londra e alcune hanno enormi terreni, come la Harrow School, che ha 300 acri, più grandi del Victoria Park, nella parte est di Londra, che è stata riaperta sabato a grandi folle e severi amministratori.

In tutto il Regno Unito, la polizia ha affermato che la stragrande maggioranza del pubblico ha rispettato le regole di blocco del coronavirus ed è rimasta a casa per Pasqua, anche se gli ufficiali dell'Essex hanno fermato un certo numero di automobilisti, le cui scuse andavano da "andare a un barbecue" a "acquistare" medicine.

Gli esperti hanno accolto con favore la richiesta di aprire l'accesso alla terra delle scuole private, con alcuni che sostengono che il governo dovrebbe prendere in considerazione qualsiasi schema che renda più facile la vita delle persone, piuttosto che l’uso di minacce. Il segretario alla salute, Matt Hancock, ha avvertito la scorsa settimana che il governo potrebbe impedire alle persone di lasciare le proprie case per fare jogging se troppe persone dovessero violare le regole sul distanziamento sociale.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento