venerdì 29 maggio 2020

Corea del sud riapre le scuole e poi le richiude

Più di 200 scuole in Corea del Sud sono state costrette a chiudere pochi giorni dopo la riapertura, a causa di un nuovo picco nei casi di virus.

Migliaia di studenti erano tornati a scuola

mercoledì quando il paese ha iniziato ad allentare le restrizioni sui virus.

Ma solo un giorno dopo, sono stati registrati 79 nuovi casi, la cifra giornaliera più alta in due mesi.

La maggior parte di questi casi è stata collegata a un centro di distribuzione fuori Seoul.

Il magazzino, nella città di Bucheon, è gestito dalla più grande azienda di e-commerce del paese, Coupang, e alcuni funzionari hanno affermato che la struttura non era strettamente conforme alle misure di controllo delle infezioni. I funzionari sanitari hanno anche scoperto tracce di Covid-19 su scarpe e vestiti dei lavoratori.

È possibile che la Corea del Sud continui a vedere un aumento dei casi mentre continua a testare migliaia di dipendenti del centro.

Venerdì sono stati registrati circa 58 nuovi casi, portando il numero totale di casi a livello nazionale a 11.402.

Un totale di 251 scuole a Bucheon, come già detto, sono state costrette a chiudere. Un rapporto del Korea Times, che cita il Ministero della Pubblica Istruzione, afferma che altre 117 scuole nella capitale Seoul hanno anche posticipato la loro riapertura.

Pare che uno studente di Seoul, la cui madre lavorava nel magazzino di Coupang, era stato scoperto che aveva il virus.

I parchi pubblici e i musei di Seoul e delle città circostanti sono stati chiusi, le imprese sono invitate a incoraggiare un lavoro più flessibile e viene chiesto nuovamente alle persone di evitare le riunioni di massa.

La Corea del Sud ha subito uno dei peggiori focolai del virus all'inizio di quest'anno, ma sembrava averlo posto sotto controllo, grazie a un vasto programma di "traccia, prova e cura".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento