martedì 12 maggio 2020

Il tampone a scuola: esempio tedesco

Il riavvio delle lezioni è fondamentale per rilanciare le economie, scrive Katrin Bennhold. Ma una domanda incide sugli sforzi: quanto contagiosi sono i bambini e potrebbero essere i prossimi super spargitori?

Cominciamo a leggere come se fosse una storia: siamo a NEUSTRELITZ in Germania. Era il primo giorno di Lea Hammermeister a scuola dopo quasi due mesi a casa e si stava già preparando per un test.

Non un test di matematica o fisica. Un test di coronavirus - uno che si sarebbe amministrata da sola.

La signora Hammermeister, una diciassettenne del liceo, entrò nella tenda eretta nel cortile della scuola insieme ad alcuni compagni di classe - tutti in piedi a sei piedi di distanza - e prese un kit di prova. Inserì il tampone in profondità nella gola, con un leggero bavaglio come indicato, quindi chiuse ed etichettò il campione prima di tornare in classe.

Ci sono voluti meno di tre minuti. I risultati sono arrivati nella sua casella di posta durante la notte. Un test positivo richiederebbe di rimanere a casa per due settimane. La signora Hammermeister è risultata negativa. Indossa ora un adesivo verde che le permette di muoversi per la scuola senza maschera fino al prossimo test quattro giorni dopo.

"Sono stato molto sollevata", ha detto felice. Oltre a sentirsi al sicuro con i suoi compagni di classe e insegnanti, che sono tutti risultati negativi, si sente meno a rischio per sua nonna, che mangia ogni giorno con la famiglia.
Il test autogestito al liceo di Neustrelitz, una piccola città nel nord della Germania, è uno degli sforzi più intriganti in Europa mentre i paesi intraprendono un gigantesco esperimento su come riaprire le scuole, che sono state chiuse per settimane e che sono ora radicalmente trasformate da rigide norme igieniche e di allontanamento.

Il riavvio delle scuole è al centro di qualsiasi piano di riavvio delle economie a livello globale. Se le scuole non riaprono, i genitori non possono tornare al lavoro. Così come la Germania e altri paesi che hanno aperto la strada su molti fronti gestiranno questo stadio della pandemia fornirà una lezione essenziale per il resto del mondo.

"Le scuole sono la spina dorsale delle nostre società ed economie", ha affermato Henry Tesch, preside della scuola della Germania settentrionale che sta pilotando i test degli studenti. "Senza le scuole, i genitori non possono lavorare e i bambini vengono derubati del prezioso tempo di apprendimento e, in definitiva, di un pezzo del loro futuro".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento