venerdì 15 maggio 2020

Lezioni a distanza hanno affaticato tutti

Mentre gli studenti, gli insegnanti e i genitori affrontano le sfide dell'apprendimento a distanza, i funzionari statali e gli educatori affermano di dover affrontare un lungo elenco di nuove problematiche relative al ripristino delle lezioni in classe in autunno, scrive Christopher Gavin.

Negli Usa, esperti, insegnanti e leader

dell'istruzione hanno parlato mercoledì davanti al Comitato misto per l'istruzione dello Stato, delineando le lotte e i successi dell'insegnamento a bambini e adolescenti bloccati a casa grazie alla pandemia di coronavirus e fornendo un piccolo assaggio di ciò che si aspettano in futuro.

Insegnanti e genitori avvertono il burnout, lo stress e la fatica di questo tipo di lavoro. Non tutti gli studenti hanno un facile accesso alla tecnologia e alle risorse di cui hanno bisogno. E i funzionari si preoccupano quotidianamente di che tipo di lacune di apprendimento gli insegnanti devono affrontare tra i loro studenti quando arriverà il ritorno in classe.

"A tutti noi mancano l'ambiente di mattoni e malta e le interazioni umane tra adulti e bambini", ha detto Tom Scott, direttore esecutivo della Massachusetts Association of School Superintendents, al comitato.

E ha aggiunto un altro punto di consenso: "Siamo tutti esausti".

L'era dell'apprendimento remoto ha testato allo stesso modo genitori, educatori e insegnanti. Con diversi fattori in ogni famiglia e diversi strumenti in ogni distretto, l'esperienza e l'istruzione che gli studenti hanno ricevuto sono variate in tutto il Commonwealth, a volte all'interno dei distretti e, a volte, persino all'interno delle scuole, affermano i funzionari.

Il Massachusetts è costantemente classificato come lo stato con le migliori scuole pubbliche nel paese, che il commissario statale per l'istruzione elementare e secondaria Jeff Riley attribuisce all'equilibrio tra gli standard di istruzione statale e il controllo locale su come i distretti li incontrano.

"Ma in una situazione come questa, può essere una sfida perché diversi distretti insegnano cose diverse in momenti diversi perché diamo loro la libertà di farlo", ha detto.

Inoltre, poiché gli educatori guardano verso la fine di una tumultuosa sessione di primavera del prossimo mese, continuano ad avere incertezza sul ritorno della scuola a settembre.

Il segretario di Stato alla Pubblica Istruzione James Peyser ha detto mercoledì ai legislatori che il ritorno agli edifici scolastici richiederà "protocolli rigorosi" su tutto, dalla distanza sociale alla ricerca dei contatti, che probabilmente influenzerà anche l'aspetto delle istruzioni.

"Non c'è dubbio che l'apprendimento a distanza sarà un fattore molto più grande nella pianificazione per il prossimo anno scolastico", ha detto.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento