giovedì 4 giugno 2020

Riapertura scuole in estate: aiutare i bambini svantaggiati

Osservando come sta andando il ritorno a scuola nei paesi stranieri, notiamo che la pressione sta aumentando sul governo inglese per elaborare piani per far funzionare le scuole estive, scrive Sally Weale.

La commissaria per i bambini in Inghilterra, Anne

Longfield, ha affermato che i presidi erano preoccupati che alcuni dei loro allievi svantaggiati avrebbero avuto difficoltà a tornare a fare il lavoro scolastico dopo una chiusura così prolungata, perché il salto richiesto sarebbe stato grande.

Ha detto ai parlamentari del comitato educativo, che stanno indagando sull'impatto di Covid-19 sulle scuole e sull'apprendimento, che il governo ha avuto solo due settimane per mettere in atto piani per le scuole estive per sostenere gli studenti gravemente colpiti dal blocco.

I sindacati dell'istruzione hanno tuttavia avvertito che durante l'estate gli alunni hanno bisogno di "nutrimento, sostegno e tregua", piuttosto che lezioni formali, e hanno chiesto uno sforzo comunitario per attirare i giovani fuori dalle loro case e incoraggiare la "risocializzazione".

Sebbene le scuole siano rimaste aperte per un numero limitato di figli dei lavoratori chiave e di alunni vulnerabili e le scuole elementari abbiano iniziato ad aprirsi a gruppi di anni specifici, Longfield ha affermato che circa 8 milioni di alunni in Inghilterra avrebbero potuto abbandonare la scuola.

Ha criticato la mancanza di coerenza nella scuola a casa disponibile per i bambini in tutta l'Inghilterra durante il blocco - mentre alcune sono state contattate, altre famiglie non hanno ricevuto neppure una telefonata - e ha detto che il governo avrebbe dovuto fornire una migliore guida su quali scuole dovrebbe offrire.

Longfield ha dichiarato: “Se ci atteniamo al numero di lezioni che stanno tornando in questo momento, potrebbero essere 8 milioni di bambini che sono stati lasciati fuori dalla scuola per sei mesi a settembre.

“Abbiamo esaminato le figure di bambini che non andavano online, prima che i loro genitori tornassero al lavoro e prima che il sole uscisse per un certo periodo di tempo, e francamente prima che altre cose diventassero più interessanti.

"I negozi saranno presto aperti e i bambini potrebbero passare due mesi senza andare a scuola, quindi le altre cose che sono effettivamente distrazioni lo diventeranno sempre più".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento